I FILM DEL GIOVEDI’ – IL CINEMA RITROVATO

dal 26-10-2023 al 21-12-2023

21.00

Ingresso unico €. 4,00

26 ottobre – Psycho di A. Hitchock – 1960 – in lingua originale con sottotitoli
2 novembre – Videodrome di D. Cronenberg – 1983 – in lingua originale con sottotitoli
16 novembre – Strade perdute – di D. Lynch – 1997 – in lingua originale con sottotitoli
30 novembre – El – di L. Bunuel – 1953 – in lingua originale con sottotitoli
7 dicembre – Fino all’ultimo respiro di J.L. Godard – 1960 – in lingua originale con sottotitoli
21 dicembre – Il Vangelo secondo Matteo di P.P. Pasolini – 1964

 

PSYCHO

La vecchia casa buia e il motel adiacente del tormentato Norman Bates (Anthony Perkins), non sono esattamente il posto dove trascorrere una serata tranquilla. Nessuno lo sa meglio di Marion
Crane (Janet Leigh), la sfortunata cliente il cui viaggio termina nella famigerata scena della doccia, fra le più celebri della storia del cinema. Questa versione contiene tredici secondi di materiale tagliati dalla censura, e permette di vedere il film come fu visto e pensato in origine.

VIDEODROME

“L’idea nasceva dalle numerose ore notturne che avevo trascorso davanti alla televisione da bambino, quando mi capitava di vedere improvvisamente dei segnali causati da interferenze. […] Era stata quell’esperienza che mi aveva portato a immaginare un uomo che capta per caso un segnale bizzarro, estremo, violento e molto pericoloso. A causa del suo contenuto ne diventa ossessionato, cerca di rintracciarlo e si trova invischiato in un intricato mistero”. D. Cronenberg

STRADE PERDUTE

Telefonare a casa propria e scoprire che a rispondere è l’uomo che vi sta davanti. Ascoltare il citofono e sentire la propria voce affermare che un tizio è morto. Cambiare personalità e vedere un mondo che possiede lo stesso lessico ma un’altra sintassi. Strade perdute è impaginato come un catalogo di moda, ma attraversato da ogni tipo di paradosso logico. Il film più sofferto e instabile di Lynch. EL Francisco Galván (Arturo de Córdova) è un ‘cristiano buono e puro’, ma di fatto un vergine di mezza età. Ossessionato dai piedi di un’altra fedele, Gloria (Delia Garcés), la corteggia finché questa non rompe con il fidanzato per sposare lui, ma già durante la luna di miele le cose cominciano a diventare complicate.
Considerato tra i migliori film di Buñuel.

FINO ALL’ULTIMO RESPIRO

“Qualsiasi cosa faccia la gente, tutto poteva essere inserito nel film. È proprio questa l’idea
da cui ero partito. Pensavo: c’è già stato Bresson, è appena uscito Hiroshima, un certo tipo di cinema si è appena concluso, forse è finito, allora mettiamo il punto finale, facciamo vedere che tutto è permesso. Quello che volevo era partire da una storia convenzionale e rifare, ma diversamente, tutto il cinema che era già stato fatto”. J.L. Godard

IL VANGELO SECONDO MATTEO

girato nelle terre abbandonate del meridione italiano, Il Vangelo cala la predicazione di Cristo nella realtà concreta dei poveri, degli emarginati e degli oppressi, attraverso un tessuto figurativo che evoca
con originalità la grande pittura quattrocentesca. Un’opera importante per comprendere l’immaginario di uno dei più grandi intellettuali del novecento.