NEL NOME DI ANTEA

il 20-02-2020

21.00

4,00

Italia

Massimo Martella

2018

75 minuti circa

Letizia Ciampa, Massimo Wertmüller

“Salvare un po’ della bellezza del mondo”. Le parole di Rose Valland riassumono da sole le motivazioni di una giovane donna in prima linea durante la Seconda Guerra Mondiale. Come lei, resistente dell’arte impiegata al museo Jeu de Paume di Parigi, Fernanda Wittgens, prima donna direttrice della Pinacoteca di Brera (dal 1940 al ’44), e Palma Bucarelli, sovrintendente alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma (dal 1942 al ’57), salvarono un patrimonio culturale dalla voracità nazista. Una missione delicata che mise in pericolo le loro vite e che fa di loro oggi delle eroine. E a loro, come a ogni ‘partigiano’ che si è fatto carico di tutelare il patrimonio artistico nazionale, è idealmente grata l’Antea del Parmigianino. Il ritratto frontale della giovane donna conservato nelle gallerie del Museo di Capodimonte introduce l’incredibile storia del ricovero e del salvataggio delle opere d’arte italiane nel corso del Secondo conflitto Mondiale.